Oroscopo 2009: le Previsioni per la Donna Bilancia
26 dicembre 2008
Oroscopo 2009: le Previsioni per la Donna Scorpione
27 dicembre 2008
Mostra tutto

La first lady americana, Michelle Obama

Determinata, ambiziosa, indipendente. E allo stesso tempo donna elegante, madre e moglie. La prima First Lady americana di colore non poteva che avere una personalità sfaccettata e travolgente: Michelle Obama, moglie del neo presidente degli Stati Uniti Barack Obama, è una donna forte e sa quel che vuole.

Nata a Chicago nel 1964, avvocato di successo, due lauree nella borsetta (una conseguita a Princeton, l’altra ad Harvard), Michelle proviene da una famiglia unita e dai sani principi.

Una donna intelligente e brillante, che fin da giovane ha combattuto per i diritti delle minoranze razziali, riuscendo a costruirsi una carriera solida e soddisfacente. Per di più, è elogiata da molti per la sua classe nel vestire: secondo Vanity Fair e People, la moglie di Barack è una delle persone più eleganti al mondo.

Il 20 gennaio 2009 farà il suo ingresso alla Casa Bianca, insieme al marito, pronta a calarsi del tutto nella parte della moglie del presidente degli Stati Uniti. Un ruolo rigido e politically correct, quello della First Lady, che potrebbe andare stretto alla grintosa ed esuberante Michelle Obama.

Ma lei respinge l’etichetta di donna di potere e consigliera di Barack: ora che la corsa alle elezioni si è conclusa, preferisce restare dietro le quinte e dare suggerimenti al marito nell’intimità, piuttosto che pubblicamente.

Le hanno chiesto come si immagina nei panni ufficiali di First Lady: si ritiene più simile a Laura Bush oppure a Hillary Clinton? Con un sorriso sulle labbra, Michelle ha diplomaticamente dichiarato che non si presta a questo tipo di paragoni. “Cercherò di essere il più flessibile possibile – afferma in questa intervista – sarò quello che dovrò essere in ogni momento. Mi trasformerò secondo i bisogni del mio paese, della mia famiglia e di Barack.”

Michelle Obama ha tutte le carte in regola per diventare una di quelle First Ladies che lasciano il segno, come l’indimenticata Jacqueline Kennedy, e non solo per la sua classe, ma soprattutto per la sua personalità “strong”. Tutti si aspettano grandi cose da una donna che ha sempre avuto la certezza che il marito sarebbe stato eletto, sostenendolo in tutto e per tutto con energia e amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *