04
mar
Scritto da Jillian in Beauty Pills, Capelli

Impacco d’Olio per i Capelli: Ecco Come Farlo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (18 votes, average: 3,72 out of 5)
Loading ... Loading ...

Donna con Impacco per Capelli

Hai i capelli secchi, sfibrati e pieni di doppie punte? Oppure i tuoi capelli sono spenti e fragili e vorresti rivitalizzarli? Prova un impacco d’olio, utile per nutrire i capelli, rinforzarli e lucidarli al massimo.

Dopo aver scelto l’olio migliore per i tuoi capelli (olio d’oliva e olio di semi di lino per nutrire, olio di mandorle dolci per lucidare, olio di ricino e olio di jojoba per riequilibrare) sei pronta a fare la tua maschera per i capelli all’olio. Ma come procedere? Ecco alcune dritte per non sbagliare.

Quando Eseguire gli Impacchi d’Olio per i Capelli?

Gli impacchi d’olio rendono i capelli corposi e lucidi, ma vanno eseguiti con costanza e regolarità. Allo stesso tempo, però, è meglio non esagerare: l’ideale sarebbe fare due impacchi d’olio al mese da tenere per più di due ore, in modo da nutrire in profondità, e un impacco pre shampoo alla settimana da tenere in posa circa 10 minuti.

Come Eseguire gli Impacchi d’Olio per i Capelli?

A lungo andare l’olio può rendere i capelli stopposi perché ne imbeve il fusto, quindi è importante applicare gli impacchi sui capelli umidi e non asciutti. Per potenziare al massimo l’effetto dell’impacco d’olio sarebbe meglio bagnare i capelli, applicare del gel d’aloe puro e poi procedere con l’applicazione dell’olio preferito. In questo modo il capello è sia idratato sia nutrito.

Un impacco d’olio può interessare solo la cute, solo le lunghezze o entrambi. L’impacco d’olio per la cute può essere quello anti forfora con l’olio extravergine di oliva o quello seboriequilibrante con l’olio di jojoba: in questo caso si massaggia la cute con i polpastrelli senza andare ad applicare l’olio anche sulle lunghezze.

Quando invece si vogliono nutrire e lucidare i capelli si va a lavorare sulle lunghezze, applicando con cura l’olio su tutta la capigliatura. In questo caso, a seconda delle proprie esigenze si può mettere l’olio anche sulla cute oppure no. Per capelli aridi dalle radici alle punte va bene, se invece i capelli sono grassi alle radici e si vogliono nutrire solo le lunghezze meglio evitare la cute.

L’olio dà il meglio di sé sui capelli se scaldato, quindi dopo averlo applicato avvolgi i capelli in una pellicola e scalda il tutto con il phon a temperatura media. Poi tieni in posa per il tempo che preferisci: dai 10 a i 20 minuti per un veloce impacco pre shampoo, dalle 2 ore ad una notte intera per una maschera rigenerante.

Come Lavare i Capelli Dopo un Impacco d’Olio?

Per prima cosa inumidisci i capelli con acqua tiepida e massaggia la cute con i polpastrelli. Poi diluisci la tua abituale quantità di shampoo in un bicchiere colmo d’acqua e lava i capelli in questo modo. Se li trovi ancora unti, procedi una seconda volta. Non mettere il balsamo: l’impacco serve proprio a nutrire i capelli e renderli morbidi.

Se i tuoi capelli sono un caso disperato e dopo sono difficili da mettere in piega, applica alcune gocce di olio di jojoba sulle lunghezze o usa un gel naturale ai semi di lino. Per quanto riguarda la secchezza vedrai i risultati nel tempo, ma se parliamo di lucentezza potrai osservare una chioma lucidissima fin dal primo utilizzo. Buon impacco!

Vedi anche:

Tag articolo
Un commento a “Impacco d’Olio per i Capelli: Ecco Come Farlo”
Commenti

Sottoscrivi senza commentare


Annunci
Social
I Blog del Network
Doki Cucina Doki iTech Doki Woman Doki Fun Image Map
Creative Commons License