Pallina di Natale
Aspettando Natale: pallina da realizzare con il découpage
8 dicembre 2008
Brunetta e l'età pensionabile delle donne
Brunetta: anche le donne devono andare in pensione a 65 anni
15 dicembre 2008
Mostra tutto
Pelle vellutata e luminosa

Pelle vellutata e luminosaIl freddo della stagione invernale, unito all’aria secca e agli sbalzi di temperatura dall’esterno all’interno, mette a dura prova la pelle del viso. Durante l’inverno, infatti, quest’ultima è spesso disidratata, spenta e screpolata e necessita di qualche accorgimento in più per ritornare a splendere e ad essere morbida.

Adottare un’alimentazione mirata, soprattutto in questo periodo dell’anno, è molto utile per combattere il problema della pelle spenta e arida. Gli alimenti più indicati per illuminarla dall’interno sono quelli ricchi di vitamina C, come gli agrumi, i frutti di bosco, i kiwi, le verdure a foglia verde e i peperoni.

Questi cibi, oltre ad essere benefici per l’epidermide, sono energizzanti ed aumentano le difese immunitarie. Inoltre, per reidratare la pelle è essenziale bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno, utilissima anche per eliminare le tossine dal corpo.

Per quanto riguarda la cura quotidiana della pelle, i prodotti delicati, nutrienti e con alta protezione solare sono i più consigliati. Il sole pallido dell’inverno è il vero nemico dell’epidermide: infatti sembra non scaldare, ma in realtà è più dannoso del sole estivo.

Per proteggere adeguatamente il viso, utilizza un latte detergente nutriente per la pulizia e non farti mancare un’esfoliazione settimanale. Applica giornalmente una crema protettiva, lenitiva e idratante. Non scordare mai la protezione solare, soprattutto nelle località di montagna: puoi scegliere una crema con SPF integrato, ma per una protezione più alta stendi un velo di crema solare sopra la crema idratante.

1 Comment

  1. […] di qualche accorgimento in più per ritornare a splendere e ad essere morbida. blog: woman | leggi l'articolo Per help e visualizzare le immagini abilitare javascript. Scrivi un commento […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *